Oscar 2016, tra eleganza e ritocchini

Archiviata da poco l’88° edizione degli Oscar (2016), ma bellezze eleganti, quasi da Olimpo hanno lasciato il segno. Certo, non possiamo e non possono non ammettere il potere e il fascino della medicina estetica. Inutile illudersi. Belli sono belli, ma “l’aiutino” c’è. Solo che se è fatto bene non si vede. Visi luminosi, incarnati perfetti e corpi scolpiti: siamo certi che siano solo frutto della generosità di madre natura? La dottoressa Antonella Castaldo, medico chirurgo perfezionato negli Stati Uniti e specializzata in chirurgia estetica, non ha dubbi: sono molti i casi in cui la mano del chirurgo ha contribuito al risultato.

Partiamo da Charlize Theron, divina in un abito rosso con profonda scollatura e lungo strascico firmato Dior, brand di cui è testimonial. “Charlize è splendida, il trucco luminoso esaltava alla perfezione l’incarnato chiarissimo dell’attrice. Rispetto al passato notiamo però come il sopracciglio risulti leggermente alzato, e di conseguenza l’occhio sia più aperto, conferendole un’espressione ancora più ‘ammaliante’. Il risultato potrebbe essere stato raggiunto attraverso un corretto e moderato uso della tossina botulinica – spiega la Castaldo – La mandibola dell’attrice risulta molto ben definita, indice questo di un possibile mini lifting. Infine le sottili rughe sul collo dell’attrice, normali per una donna di 40 anni, appaiono più chiare rispetto al resto dell’incarnato, il che potrebbe significare un impianto di acido ialuronico per attenuarle”.

A seguire una splendida e affascinante Kate Winslet, in abito nero lucido di Ralph Lauren. L’attrice, si è sempre dichiarata contraria ai ritocchi estetici e all’utilizzo di sostanze per ‘fermare’ il tempo. Nonostante questo, non convince l’occhio clinico degli esperti, che qualche cambiamento lo hanno notato eccome. “La Winslet si è presentata sul red carpet con un viso molto luminoso, merito soprattutto di un’arcata sopraccigliare alzata e ben definita. Questo risultato può essere raggiunto in due modi: o grazie al botox, oppure addirittura con un intervento chirurgico. Il sollevamento della parte superiore del viso ha inciso notevolmente anche su quello della parte inferiore: anche nel suo caso, infatti, la mandibola appare ben definita e tirata”, chiarisce ancora la Castaldo.

Kate Winslet_Oscars 2016

E che dire della splendida Cate Blanchett, che sul red carpet ha sfoggiato un Armani Privé in tinta pastello perfetto per la sua figura eterea ed elegante? La Castaldo non ha dubbi: “La Blanchett ha un viso angelico, merito anche di una pelle curatissima. Per mantenere l’incarnato così chiaro, e impedire che con il passare del tempo viri al giallo o al grigio, come spesso accade alle pelli bianchissime, l’attrice fa abbondante uso di creme schiarenti e si sottopone periodicamente a sedute di peeling profondi, alternati a biorivitalizzazioni per dare nutrimento. Sul viso non notiamo il minimo segno di cedimento: la star pare si sia recentemente ‘regalata’ un impianto di fili sottocutanei a rete. Questa ‘trama’ sottocutanea ricrea quella naturale, sostenendo la pelle senza effetti collaterali come anestetici gonfiori”.

attends the 88th Annual Academy Awards at Hollywood & Highland Center on February 28, 2016 in Hollywood, California.

Ma se le star di sesso femminile sono le più soggette alla curiosità e all’attenta analisi dei critici, sono lontani i tempi in cui gli uomini non si curavano più di un tanto del proprio aspetto. Molti, secondo la dottoressa, sono quelli che si sono lasciati tentare dall’aiutino di un bravo chirurgo o medico estetico. Nemmeno il (finalmente) premio Oscar Leonardo Di Caprio sembra essere immune alla vanità: “Se lo si osserva bene, si nota che la pelle del viso di Di Caprio è estremamente liscia e quasi totalmente priva di segni, il che è inusuale per un uomo di 40 anni. È possibile quindi che l’attore si sia sottoposto a qualche iniezione preventiva di botulino, una ventina di giorni prima della cerimonia, il tempo necessario per permettere alla muscolatura della fronte e periorbitale di riprendere una mobilità naturale, che per lui, attore molto espressivo, è fondamentale”.

Leonardo Di Caprio_Oscar 2016

Insomma, l’elenco potrebbe essere ancora lungo. A noi, comuni mortali, basti sapere che tutto è possibile con il giusto aiuto e… il giusto portafoglio.

Privacy Preference Center

Google Analytics

Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. (“Google”) che utilizza dei “cookie” mediante i quali raccoglie Dati Personali dell’Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all’utilizzo di Internet. Google non associa l’indirizzo IP dell’utente a nessun altro dato posseduto da Google. L’eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l’impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web. Maggiori informazioni: http://www.google.com/intl/en/policies/privacy/

_ga, gat_gtag_UA_59948261_1,_gid
_ga, gat_gtag_UA_59948261_1,_gid

GDPR

Questi cookie permettono il salvataggio delle preferenze espresse del settaggio della privacy

gdpr[allowed_cookies], gdpr[consent_types]

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?