fbpx

Italiani a tavola: consapevolezza e priorità al cibo prodotto localmente anche in vacanza

Un’indagine dell’app di abbonamento alle riviste Readly e YouGov conferma lo stretto legame tra gli italiani e la cucina e fotografa le abitudini di consumo e preparazione dei cibi.

Il 98% degli intervistati pensa sia fondamentale avere consapevolezza di ciò che ha nel piatto. Per il 40% il cibo è un aspetto fondamentale della vacanza.

Tradizionalmente considerato “la patria della buona cucina”, il nostro Paese dimostra ancora una volta che l’amore per il cibo è sempre ben radicato nelle abitudini nazionali. Secondo un’indagine svolta dall’istituto di ricerca YouGov e commissionata da Readly[1], infatti, praticamente la totalità degli italiani pensa che sia fondamentale essere consapevoli di ciò che si mangia. Si tratta della percentuale più alta rispetto agli altri europei intervistati: il 98%, contro il 63% degli svedesi, il 71% dei tedeschi, l’84% degli inglesi.

Quando è a tavola, il 63% degli italiani interpellati fa attenzione che il cibo sia prodotto localmente e sia sano (55%). Il 36% fa attenzione alle calorie introdotte.

Gli italiani dichiarano inoltre di essere sensibili alle tematiche ambientali e climatiche anche quando fanno la spesa: per questo, il 70% sceglie frutta e verdura di stagione, il 54% acquista prodotti a KM zero; il 35% cerca ridurre il consumo di carne.

L’indagine evidenzia anche che gli italiani sono la popolazione che legge maggiormente le riviste di cucina: l’8% le consulta quotidianamente e il 19% almeno una volta a settimana, contro, rispettivamente l’1% e il 4% degli inglesi, il 2% e il 6% dei tedeschi.

Sappiamo che una delle grandi passioni degli italiani è tradizionalmente la buona cucina; ne troviamo conferma anche analizzando l’andamento delle scelte di lettura su Readly degli ultimi sei mesi”, afferma Marie Sophie Von Bibra, head of growth di Readly per l’Italia. “Oggi su Readly sono disponibili 119 magazine italiani: siamo orgogliosi che il nostro portafoglio di riviste sia cresciuto così rapidamente dal nostro arrivo in Italia, arrivando a soddisfare le passioni di tanti lettori anche in questo Paese”, conclude Marie Sophie Von Bibra.

A conferma dell’indagine Readly-YouGov, nella classifica complessiva delle 20 pagine più evidenziate dei lettori italiani di Readly nei primi sei mesi dell’anno ci sono ben 7 “bookmark” all’interno di riviste di cucina: ognuno corrisponde a una ricetta, per lo più semplice e veloce, con ingredienti della nostra tradizione.

Queste nel dettaglio le ricette più amate e “sperimentate” dagli italiani:

  1. l’impasto per la pizza;
  2. il gâteau di patate;
  3. il riso saltato con verdure;
  4. l’insalata di farro;
  5. la brioche siciliana;
  6. i totani ripieni in umido;
  7. la torta di carote.

 

Per trovare ispirazione per nuove ricette, il 61% degli italiani si rivolge anche ai siti web, il 40% ama replicare le ricette di famiglia, il 31% cerca spunti sui social media. Il 29% consulta invece il tradizionale libro di cucina.

Readly e YouGov hanno inoltre indagato sulle abitudini di vacanza in relazione al cibo: il 40% è convinto che sia un aspetto fondamentale da prendere in considerazione anche in ferie, contro il 25% degli svedesi, il 28% degli inglesi, il 29% dei tedeschi.

Lo studio conferma inoltre il successo della cucina italiana nel mondo, di gran lunga la preferita dagli intervistati in Svezia, Germania, UK, Australia, oltre che dagli italiani (85%). La cucina italiana si posiziona davanti alla cucina mediterranea, a quella giapponese e a quella Americana (BBQ e burgers).