Stare in forma con l’ipnosi? Si, è possibile!

Articolo a cura della Dott.ssa Maria Cento

E’ frequente quando parlo di “ipnosi” che la reazione del mio interlocutore sia o di curiosità o di timore, come se stessi parlando di un trucco o di qualcosa di magico.

Probabile che anche tu ti stia chiedendo cosa ha a che fare l’ipnosi con la psicologia, con il benessere e con l’alimentazione. Prima di svelartelo, voglio affrancare questa tecnica dai pregiudizi e dall’alone di mistero che spesso nell’immaginario comune la caratterizzano.

 

Partirò dal famoso pendolo (probabilmente la prima cosa a cui hai pensato) retaggio dei primi utilizzi dell’ipnosi in ambito psicoanalitico ma che nell’ipnosi moderna non trova più applicazione.

Vorrei poi dirti cosa l’ipnosi NON È:

NON è coercizione, NON è manipolazione e non sottende una perdita di consapevolezza.

 

Ora che hai abbandonato retaggi derivanti da disinformazione e passaggi televisivi infelici, per la fama di questo prezioso strumento, passo a descriverti cos’è e come è possibile ottenere dei cambiamenti e una crescita significativi, in contesto psicoterapeutico, grazie ad esso.

Molti pazienti mi chiedono se secondo me “sono ipnotizzabili” o si proclamano “non ipnotizzabili”…

Chiariamoci: TUTTI siamo ipnotizzabili e per spiegarti perchè è necessario che ti spieghi cos’è l’ipnosi.

Quando parliamo di ipnosi ci riferiamo ad uno stato modificato di coscienza, ossia uno stato particolare della nostra coscienza che, per interderci, è simile a quello che si verifica quando stiamo per addormentarci ( fase ipnogogica) o quando stiamo risvegliandoci (fase ipnopompica).

E cosa succede in queste fasi?

Se ci fai caso, in questi momenti, il tuo corpo si stabilizza e si rilassa in una data posizione che, dal punto di vista fisiologico, contribuisce ad una regolarizzazione del respiro e del battito cardiaco e ad una maggiore distensione muscolare, e dal punto di vista della coscienza, corrisponde ad una data posizione mentale in cui la tua attenzione è completamente rivolta verso l’interno alla ricerca, in questo caso, del sonno.

In queste particolari fasi si rimane sufficientemente consapevoli dell’ambiente esterno ma si preferisce spostare e posizionare la propria attenzione in modo che privilegi il mondo interiore, la fantasia e la creatività.

L’ipnosi altro non è che uno stato psicofisico, uno stato, lo ribadisco, della nostra coscienza che come si può evincere, è lontano dall’essere quel qualcosa di magico o soprannaturale che spesso viene ritenuto; come tutti gli stati di coscienza esso è incredibilmente adattivo ed efficace per avere un buon controllo emotivo in tutte le situazioni.

Quindi il luogo comune secondo il quale le persone “ipnotizzabili” sono persone deboli o plasmabili è assolutamente fuorviante.

 

L’ipnosi moderna, quella che oggi è comunemente accettata nel mondo della medicina e della psicologia, è figlia di M.H. Erickson.

I concetti di Erickson hanno rivoluzionato le vecchie idee basate sui metodi suggestivi, sui metodi diretti e autoritari, definendo i principi teorici e pratici dell’ipnosi attuale (o trance) che hanno trovato il loro ulteriore sviluppo nel modello italiano detto Neo- ericksoniano.

La psicoterapia ipnotica è COMUNICAZIONALE ossia utilizza un’ipnosi indiretta, quindi NON basata su metodi suggestivi e autoritari.

Erickson si riferisce allo stato di trance ipnotica come uno stato mentale, naturale (comune trance quotidiana) nel quale la nostra mente si colloca spontaneamente in diversi momenti durante la giornata e, sicuramente, nel sonno e all’interno del sogno.

 

Quindi l’ipnosi  E’ UNO STATO MODIFICATO DELLA COSCIENZA che permette il rapporto con quella parte inconscia dell’individuo, attraverso opportune procedure di carattere psicologico. E’ importante sottolineare che l’ipnosi non è l’elemento terapeutico ma semplicemente una posizione mentale che favorisce l’immaginazione; posizione in cui interviene la voce del terapeuta per somministrare quella verbalizzazione che raggiungendo la mente, attraverso la parte inconscia permette il recupero delle risorse contenute nell’inconscio.

Proprio per le sue caratteristiche intrinseche che favoriscono l’adattamento e il cambiamento, l’utilizzo dell’ipnosi è uno strumento utilissimo per ritrovare il proprio equilibrio nel rapporto con il cibo.

Più volte nei miei articoli ho ribadito che perdere peso, o mantenere il proprio peso, non è solo una questione di “dieta” ma soprattutto una questione di testa, intesa come motivazione e cambiamento di mentalità.

L’ipnosi favorisce un miglior controllo emotivo, uno spostamento del proprio punto di vista ( non mi privo del cibo <———> scelgo cosa mangiare) affinchè si quieti quella parte affamata della mente che ritroverà nuove e più funzionali modalità per esprimere le proprie emozioni e soddisfarsi.

La letteratura ha evidenziato come l’uso dell’ipnosi in percorsi di dimagrimento sia efficace perchè recupera le risorse già presenti nella persona rendendola nuovamente capace di gestire le proprie emozioni in modo efficace e conseguentemente di ridurre l’impulso che la spinge ad usare il cibo in modo disfunzionale.

In quest’ambito l’ipnosi è inoltre utile per sostenere la motivazione al cambiamento e l’autostima, elementi entrambi fondamentali in quanto spesso implicati nelle difficoltà a mantenere una adeguata alimentazione.

 

La bellezza di questo strumento risiede proprio nella straordinaria possibilità di recuperare qualcosa che è già presente in ognuno di noi in termini di capacità, risorse e apprendimenti che ci appartengono ma che talvolta non ricordiamo più di possedere.

 

Vorrei salutarvi con una frase di M.H. Erickson:

“Dentro di noi, possediamo tutte le risorse di cui abbiamo bisogno per far fronte alle nostre sfide evolutive”

 

_______________________________________________________________________________

riceve su appuntamento:

c/o psicologi del Benessere – via Camillo Hajech 10 – Milano – tel. 3337274839

mail: mariacento.psicologa@gmail.com

fb:https://www.facebook.com/psicologamariacentomilano

twitter: @PsicoMariaCento  ·  instangram:psicomari_ipnosi  ·  Skype: Dott.ssa Maria Cento

 

Privacy Preference Center

Google Analytics

Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. (“Google”) che utilizza dei “cookie” mediante i quali raccoglie Dati Personali dell’Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all’utilizzo di Internet. Google non associa l’indirizzo IP dell’utente a nessun altro dato posseduto da Google. L’eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l’impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web. Maggiori informazioni: http://www.google.com/intl/en/policies/privacy/

_ga, gat_gtag_UA_59948261_1,_gid
_ga, gat_gtag_UA_59948261_1,_gid

GDPR

Questi cookie permettono il salvataggio delle preferenze espresse del settaggio della privacy

gdpr[allowed_cookies], gdpr[consent_types]

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?