“Se vuoi fare un passo avanti, devi perdere l’equilibrio per un attimo”… anche nel lavoro

Siamo sempre alla ricerca di armonia ed equilibrio, convinti che questi siano l’aspetto fondamentale del nostro benessere. Ma è davvero così o possiamo vedere il valore positivo anche della perdita dell’equilibrio?

Mi sono soffermata a riflettere spesso sul mio percorso professionale, rendendomi conto che la maggior parte delle volte i passi più importanti li ho fatti nei periodi quanto più lontani dall’equilibrio nel suo significato essenziale di stato di quiete di un corpo [dal lat. aequilibrium, comp. di aequus «uguale» e libra «bilancia»]. Eppure mi sono sentita felice, anzi, oggi sono felice proprio grazie a questegrandi crisi, dove ho messo ogni cosa in discussione e ho allontanato l’equilibrio.

Uno dei miei aforismi preferiti recita:La vita è come andare in bicicletta. Per mantenere l’equilibrio devi muoverti”. Questo perché l’equilibrio lo cerco costantemente, ma lo faccio nel mio continuo bisogno di movimento e di crescita. E crescita significa cambiamento costante, quindi, qualcosa di diverso dall’equilibrio.

Cosa voglio? Dove sono e dove voglio andare? Cosa mi fa stare bene? Cosa posso fare diversamente? Quali sono le mie risorse?
Queste sono solo alcune delle domande che non dovremmo mai smettere di porci per assicurare che la nostra vita sia davvero allineata con la nostra “Vision professionale”, ovvero chi vogliamo diventare (essere), il nostro sogno per il futuro. La Vision, così come la successiva analisi della nostra Mission – quindi aver definito di cosa ci si occupa e cosa si offre di particolare –, aiuta a chiarire dove si vuole andare, cosa si fa e sulla base di quale principi si vuole agire o cambiare direzione.

Abbiamo quindi necessità di non smettere mai di interrogarci per fare qualcosa di diverso e quindi crescere. Dobbiamo abituarci a momentanee uscite dalla nostra zona di comfort in cui costringerci a ragionare. Questo perché non c’è colloquio di lavoro in cui non ci chiederanno dove ci vediamo tra 5-10 anni e/o cosa ci motiva, o qual è il nostro sogno per il futuro. Ma dobbiamo farlo soprattutto per noi: le domande attivano una ricerca che fa emergere nuove soluzioni e rinnovati bisogni. Come sostenuto da Lucia Giovannini, Le domande hanno davvero il potere di cambiare la nostra vita. Ci portano a un livello di consapevolezza più alto, rendendoci coscienti di alcune dinamiche psicologiche che, altrimenti, non verrebbero in superficie. La capacità di porsi domande è di fondamentale importanza per il nostro presente e lo è ancora di più per il nostro futuro. Il problema è che, a scuola, si dedica ancora troppo poco tempo al pensiero critico e, anche nel mondo lavorativo, difficilmente chi fa domande viene apprezzato. Siamo così abituati ad agire in questo modo che spesso finiamo per dare tutto per scontato, non ci prendiamo il tempo necessario per chiederci perché stiamo facendo qualcosa, come potremmo farlo meglio o come potremmo essere più felici.”

Abbiamo bisogno di vivere consapevolmente le nostre scelte personali e professionali ponendoci costantemente “domande potenti” e, se serve, trasformare le cose che non ci piacciono, sacrificando momentaneamente il nostro equilibrio. Interrogarci sempre sulla nostra Vision, ricordando che “non c’è vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare”. Mi capita spesso di incontrare giovani e meno giovani che affermano di voler crescere ma non hanno idea di come e quando farlo. Ecco, non c’è crescita senza responsabilità e presa in carico del nostro cammino. Qui a confermarcelo è un pezzo estratto dal più celebrato trip lisergico di Lewis Carroll, Alice nel Paese delle Meraviglie:

“Alice: Volevo soltanto chiederle che strada devo prendere.

Stregatto: Tutto dipende da dove vuoi andare.

Alice: Veramente importa poco, purché io riesca…

Stregatto: Beh, allora importa poco che strada prendi!”

Le nuove sfide, come le “crisi”, generano energia rinnovata e crescita, se queste si vivono con consapevolezza e determinazione. Ecco perché, a mio avviso, possiamo vedere il valore positivo anche della perdita dell’equilibrio. Anzi, a volte la perdita dell’equilibrio è proprio bella… Non bisogna aver paura di cadere ma voglia di volare!

____________________________________________________________________________________________________________________________________________

Valentina Marini

Romana che gira l’Italia, pur amando il mare di Sabaudia, ha due costanti: passione e cambiamento.

È consulente nel campo delle Risorse Umane per diverse aziende, docente per Università, Master e Istituti di Formazione ed è esperta di Personal Branding e Founder di #GalateoLinkedIn – un’iniziativa volta a rendere LinkedIn uno strumento di lavoro e networking sempre più efficace. Recentemente ha pubblicato un libro per Giunti “#Galateo LinkedIn. Educazione civica, identità digitale e mondo del lavoro”.

Privacy Preference Center

Google Analytics

Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. (“Google”) che utilizza dei “cookie” mediante i quali raccoglie Dati Personali dell’Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all’utilizzo di Internet. Google non associa l’indirizzo IP dell’utente a nessun altro dato posseduto da Google. L’eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l’impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web. Maggiori informazioni: http://www.google.com/intl/en/policies/privacy/

_ga, gat_gtag_UA_59948261_1,_gid
_ga, gat_gtag_UA_59948261_1,_gid

GDPR

Questi cookie permettono il salvataggio delle preferenze espresse del settaggio della privacy

gdpr[allowed_cookies], gdpr[consent_types]

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?