fbpx

Uomo e donna rinunceranno mai alla loro lotta di potere?

“Qualunque sia la relazione di coppia che sperimentiamo, nessuna delle nostre polarità è migliore o superiore all’altra; l’obiettivo finale è quello di realizzare la nostra androginìa, ovvero l’alchimia uomo/donna presente in ciascuno di noi”

Quando vediamo la bassa percentuale di coppie felici o quando noi stessi viviamo una relazione romantica deludente, viene da chiederci: una vita insieme è davvero possibile?Tante persone si amano, ma non si capiscono e si perdono in mille lotte di potere. Da sempre invece di essere compagni di squadra nel percorso della crescita di coppia, si combatte per avere ragione l’uno sull’altro. La polarità maschile fa la guerra, quella femminile fa rete, sia che si parli di coppia tradizionale oppure no, ed è questo squilibrio che provoca disagio in ogni aspetto della vita, dall’amore al lavoro e alle relazioni in generale. La soluzione è riuscire ad arrivare a un bilanciamento androgino: questa la conclusione a cui giunge CLAUDIA RAINVILLE nel suo libro, L’ALCHIMIA DELL’AMORE, edito da Roi Edizioni per la collana SEMI DI LUCE.

 

CLAUDIA RAINVILLEautrice di successo e fondatrice della Metamedicina, la disciplina che permette di comprendere e trasformare le cause interiori e profonde dei sintomi dei malesseri fisici, per ritrovare benessere psicofisico e ristabilire la nostra salute – spiega come armonizzare il maschile e il femminile presente in ognuno di noi in modo tale che si rifletta nella relazione di coppia evitando di rovinarla o addirittura distruggerla. Permetterà di conoscersi e capirsi meglio, aiutando le donne a realizzarsi nella carriera personale senza sacrificare la propria femminilità, e aiuterà gli uomini a conciliare la gentilezza con l’autorevolezza.

 

Attraverso il racconto di alcuni episodi della sua vita professionale e privata spiega quanto sia fondamentale per arrivare all’alchimia dell’amore riuscire a progredire insieme in un’alternanza di ruoli dove, a turno, ognuno si ritroverà al comando e potrà contare sul sostegno del partner nel ruolo di consigliere. La società patriarcale in cui viviamo da millenni ha enfatizzato la differenziazione di genere per sottolineare la superiorità degli uomini sulle donne. Questo è il motivo per cui, sin dalla nascita, ci sentiamo ripetutamente dire che siamo una bimba o un bimbo. Veniamo così condizionati a pensare in funzione del nostro sesso: un maschio non deve piangere e deve essere coraggioso, una femmina non deve salire sugli alberi né vestirsi come un maschio. Gli uomini si sentono in dovere di essere forti, combattivi e aggressivi. Non ci aspettiamo di sentirli parlare dei loro sentimenti né di vederli esprimere dei tratti femminili come la delicatezza, la sensibilità, la paura o la dipendenza. Sembra una visione superata ma in realtà per molti versi è ancora così e la complementarietà scarseggia: è il motivo per cui ancora oggi i ruoli di potere sono per la maggior parte affidati agli uomini. Attualmente l’energia femminile è minata dalla paura e dal senso di inferiorità ed è proprio questo che deve cambiare affinché il nostro mondo trovi l’equilibrio giusto. Per chiarire tutto questo CLAUDIA RAINVILLE descrive il profilo dell’uomo e della donna che hanno armonizzato in sé il maschile e il femminile.

 

L’uomo è l’individuo virile senza essere macho, sensuale e tenero senza paura di apparire effeminato, volitivo senza essere prepotente. Ha imparato a esprimere i suoi sentimenti e le sue emozioni. È un uomo che ammettendo le sue debolezze si mostra forte, perché ha fiducia in se stesso e nella sua partner. Mentre la donna è una figura autentica e in contatto con il suo intuito, senza per questo accantonare le capacità di riflettere e analizzare. È sicura di sé, femminile, autonoma senza essere arrogante. In contatto con la sua bellezza interiore, sa ricevere così come sa dare. È capace di affermare se stessa senza imporsi nelle scelte e nelle decisioni. Abbandonando le rappresentazioni e i ruoli che le erano stati socialmente assegnati, ha riacquistato la sua essenza di donna. Non si perde più nella ricerca dell’amore romantico, ma sa come condurre il suo compagno in un amore dove la tenerezza è condivisa. Sa di essere responsabile della propria felicità e che nessuno la amerà più di quanto lei sia capace di amare se stessa.

 

L’ALCHIMIA DELL’AMORE DI CLAUDIA RAINVILLE esorta a costruire una società androgina più giusta e bilanciata dove vivere alla pari. A ognuno di noi spetta il compito di contribuire a questa impresa.

***

CLAUDIA RAINVILLE è un’autrice di successo i cui libri, tradotti e pubblicati in numerosi Paesi, hanno venduto centinaia di migliaia di copie. È la fondatrice della Metamedicina, la disciplina che permette di comprendere e trasformare le cause interiori e profonde dei sintomi dei malesseri fisici per ritrovare benessere psicofisico e ristabilire la nostra salute. Dopo dieci anni di lavoro nel campo della microbiologia, si è dedicata all’approfondimento delle dottrine buddiste con maestri del calibro di Sathya Saï Baba e del Dalai Lama che l’hanno ispirata a rendere la Metamedicina uno strumento di Compassione e di Risveglio della coscienza. Oggi all’attività di scrittrice affianca quella di speaker, portando e diffondendo le sue idee in eventi e conferenze in tutto il mondo.